domenica 21 novembre 2010

Trailer Nathan Never 235 - La Metamorfosi

Mentre vi state godendo (o almeno così spero...) Nathan Never 234 - La Cittadella, in vista della mia prossima uscita, vi stuzzico con una chicca, un trailer realizzato dalla bravissima Alessandra Lupo, per Nathan Never 235 - La Metamorfosi su disegni di Andrea Cascioli!

Per godervela al meglio vi consiglio di far pompare le casse e mettere a tutto schermo la versione youtubbica, oppure quella di feisbucchiana!...

Ma, nel caso ci fossero problemi, questa è la versione da blog, piccola e leggera...

video

Fateci sapere cosa ne pensate!

2 commenti:

CREPASCOLO ha detto...

Mi sento sempre più un uomo del diciannovesimo secolo. E non sto parlando di un illuminato cercatore di verità che guarda alla scienza come alla luce che dissiperà le ombre della superstizione. Comincio a capire come doveva sentirsi un contadino quando il cerusico - la stessa persona che la domenica sbarbava il vicesindaco - gli diceva che le sanguisughe non erano state sufficienti ed occorreva amputare.
Se sei a malapena in grado di decidere che una gallina è costipata da quanto è umido l'occhio, ma non distingui un polmone da un rene, ti devi fidare.
Io mi tuffo in rete, ma non ne saprei scomporre l'ordito. Clicco sulla versione da blog, ma non ottengo nulla. Torno in google e metto in fila i termini Cascioli/Metamorfosi/Rainulfo e mi ritrovo a guardare un teaser che, non credo almeno, abbia qualcosa a che vedere con l'albo SBE.
Non sarebbe la prima volta che mi sbaglio e so di sceneggiatori SBEllici che lavorano per la tv ( Piani/Ostini/Cajelli/Secchi jr. ) quindi, nel dubbio, ne infliggo una sintesi: miniserie RAI con Luigi Lo Cascio che lavora alla cassa di un minimarket etnico ( Cash & Curry), ma sogna di diventare un grande cuoco e, prima svolta narrativa, vince il primo premio ad un concorso di cucina con le sue chicche in salsa di Lupo( il design della pasta è suo ).
Un suo collega, che tra un codice a barre e l'altro, accarezza lo stesso sogno, ma si vede rifiutare da eoni gli ''stuzzichini pompati ''( la salsa del ripieno stecchirebbe anche una forma di vita aliena ), invita LoCoso a casa sua e gli offre una cena a base di spezie d'antan e legumi scaduti. Come in classico di Stevenson o di Stanlee, Luis lo chef si trasforma in una gigantesca blatta rossa ( come quelle USA ndr ). Seconda svolta. Entro pochi giorni è la star di uno show RAI in cui spiega ai bambini come e quanto pulire quanto combinato con Ars Attack prima che i genitori rientrino a casa. Adoro il lieto fine. Se si tratta davvero di roba perniolica - mi ha lasciato perplesso il frame in cui Red Beetle entra nello studio della Clerici, perchè la anchor woman che perde i sensi sulle note di Strawberry Fields Forever era troppo intenso anche per Blob - spero di vedere altro della Premiata Ditta di Artigiani Volanti. Sono stufo di guardare e riguardare il Nero Wolfe con Buazzelli e Ferrari e temo il prossimo prodotto da Barbareschi ( vero ndr ). See ya in the comics. And on Tv, too.

comativa ha detto...

Non mi ha fatto impazzire. Avrei preferito vignette non tavole che scorrono. E poi un minimo di accenno di trama con qualche aiuto, a me è sembrata solo una seguenza di disegni.. Aspetto fiducioso la storia